Intercultura blog

Lingua italiana e intercultura

I modi di dire

martedì 17 marzo 2009

Salve lettori di Intercultura blog. Ecco un nuovo articolo sulla nostra lingua.
Buona lettura
Tania Pasqualini

Oggi parleremo di alcuni “modi di dire” tipici della lingua italiana. Essi, a differenza dei proverbi che hanno un significato compiuto, non esprimono saggezza popolare e non hanno un significato profondo o morale.

Sono, comunque, molto utilizzati soprattutto nel linguaggio parlato, informale e colloquiale.

  • A bizzeffe: in grande quantità. (“Oggi a pranzo ho mangiato a bizzeffe, quindi stasera non ceno!”).

  • Alla romana: modalità di dividere una spesa in parti uguali fra tutti i partecipanti, senza tener conto, in modo proporzionale, di quanto ciascuno di essi ha consumato. (“Sono 20 euro a testa, per tutti e nove, paghiamo alla romana”).

  • Bastian contrario: chi assume, per partito preso, le opinioni e gli atteggiamenti contrari a quelli della maggioranza. (“Su dai, adeguati ai nostri orari, non fare sempre il bastian contrario!”)

  • Capro espiatorio: qualcuno a cui è attribuita tutta la responsabilità di malefatte, errori o eventi negativi e deve subirne le conseguenze per espiarne la colpa.

    (“Povero Marco, per ogni cosa incolpano lui, è proprio il capro espiatorio dei quell’ufficio”!)

  • È un altro paio di maniche: è tutta un’altra cosa. (“Se ci sono i saldi del 50% la compero, è un altro paio di maniche!”)

  • Essere al verde: rimanere senza soldi. (“Mi dispiace, non ho soldi da prestarti, sono al verde anch’io”).

  • In bocca al lupo: augurio scherzoso di buona fortuna che si rivolge a chi sta per sottoporsi a una prova difficile. (“Fai buon viaggio e in bocca al lupo per il colloquio di lavoro!”).

  • Piantare in asso: abbandonare qualcuno da un momento all’altro, senza preavviso. (“Mi ha piantato in asso senza dire una parola, non si è presentata all’appuntamento e non ha nemmeno chiamato!”)

  • Salvare capra e cavoli: salvaguardare, con una decisione o un’azione, gli interessi di due soggetti diversi. (“Devi decidere, non puoi cercare di accontentare tutti e salvare capra e cavoli”)

  • Segreto di Pulcinella: un segreto che non è più tale per nessuno. (“Che ti trasferirai all’estero oramai lo sanno tutti, è diventato un segreto di Pulcinella!”).

 

Indica se nelle seguenti frasi i modi di dire sono usati correttamente.

Scegli la risposta. Quella corretta diventerà verde.

 

  • 1. Salva capra e cavoli per l’esame!

    • corretto

    • sbagliato
  • 2. Non si sa mai come accontentarti perché non ti va mai bene niente, sei proprio un bastian contrario!

    • corretto

    • sbagliato
  • 3. Lo sappiamo che hai deciso di sposarti: è alla romana!

    • corretto

    • sbagliato
  • 4. Non riusciamo ad andare in vacanza, siamo al verde.

    • corretto

    • sbagliato
  • 5. Ho aspettato per due ore che arrivasse ma non si è visto, mi ha piantata in asso.

    • corretto

    • sbagliato
  • 6. Ho visto Eva che comprava delle magliette in saldo e che salvava capra e cavoli.

    • corretto

    • sbagliato
  • 7. In bocca al lupo per il colloquio di domani!

    • corretto

    • sbagliato
  • 8. Se vieni anche tu, andiamo con la tua auto e facciamo prima, è un segreto di Pulcinella.

    • corretto

    • sbagliato
  • 9. Stasera andiamo tutti al ristorante, ma niente storie, paghiamo alla romana!

    • corretto

    • sbagliato
  • 10. Se siete al verde perché comprate un’auto nuova?

    • corretto

    • sbagliato

26 commenti all'articolo “I modi di dire”

  1. Anna Ghivarello dice:

    Interessante, lo proporrò domani alla mia classe di allievi stranieri presso il C.T.P. Parini – Torino
    Grazie delle vostre continue proposte
    Un caro saluto
    Anna

  2. ileana dice:

    ho fato solo due erorri.
    mi piace continuate cosi
    sono cose quale non li conoscevo.

  3. Lentini Santa (Belgio-Liege) dice:

    Salve , molto piacere di ritrovare queste espressioni , ogni tanto i miei genitori , me ne dicevano una per farmi capire certe cose et acclimatarmi a la lingua madre ………..Grazie molto ………..Professore ?

  4. Viorica dice:

    Ciao,
    Mi piace,c’è sempre qualcosa da imparare.Non ho fatto nessun sbaglio!!
    Un sincero saluto.

  5. Heba Ahmed dice:

    Interessante;ma noi gli stranieri troviamo difficolta’ a capire i modi di dire ,perche riguradano alla cultura e alla vita quotidiana italiana.Anche non e’facile trovarli nei dizionari.Se e’ possibile,scrivaci piu’ modi di dire.:-)
    Graziee

  6. Tania Pasqualini dice:

    Cari lettori,
    mi fa molto piacere che “i modi di dire” italiani siano stati così apprezzati. Certo, non sono sempre facili da capire, proprio perché sono frutto di una cultura particolare e quindi di uno dei modi che le persone hanno di vedere le cose. Proprio per questo, imparare ad usarli è utile per entrare in contatto con le abitudini degli italiani.

    Grazie a tutti e a presto!

  7. admin dice:

    Cara Heba,

    il nostro dizionario Zingarelli della lingua italiana riporta tutti i principali modi di dire. Per esempio, alla voce “capro”, trova anche “capro espiatorio”.

    Poi vi sono dei dizionari specifici di proverbi o di modi di dire. Ne trova una presentazione in questa pagina:
    http://dizionari.zanichelli.it/index.php?it/126/i-dizionari-e-le-opere-di-consultazione-zanichelli/1/1/30

    In particolare, Le segnalo una pubblicazione, a prezzo conveniente in occasione dei 150 anni della Casa editrice:

    Dizionario dei modi di dire
    Frase fatta capo ha. Dizionario dei modi di dire, proverbi e locuzioni di italiano
    di Giuseppe Pittàno
    Data di pubblicazione: 2009
    (ISBN: 978-8808-10509-7) 9.80 €
    - 1400 modi di dire, proverbi e locuzioni
    - 138 locuzioni latine
    - indice analitico di oltre 1500 voci
    - 352 pagine

    Cordiali saluti,
    Giovanni Enriques

  8. Mohammed dice:

    salve
    ho un problema a capire un modo di dire “È un altro paio di maniche”
    grazie mille in anticipo

  9. fabo dice:

    MOLTO UTILE SAPERE I MODI DI DIRE, ANCHE PERCHE’ CE NE STAVANO CHE NON CONOSCEVO.. DUNQUE E’ STATO MOLTO UTILE… ALMENO PER ME. CIAO. GRAZIE. FABIO.

  10. Tania Pasqualini dice:

    Caro Mohammed,
    “è un altro paio di maniche” significa “è tutta un’altra cosa, non paragonabile con la precedente”. Spesso, si vuole indicare che uno dei due termini di paragone è “migliore” o, al contrario, “peggiore” dell’altro. Per esempio: “Non avevo voglia di venire alla festa, ma se vieni anche tu, è un altro paio di maniche!” In questo caso significa che “se tu vieni, è molto meglio per me”. Oppure, per esempio: “10 euro per il teatro li potrei anche spendere, ma 30 euro no, è un altro paio di maniche!” In questo caso significa che “se costa 30 euro è molto peggio”.

    Cari saluti
    Tania Pasqualini

  11. Mohammed dice:

    salve Prof:Tania Pasqualini
    ho capito senz’altro e le ringrazio molto,le chiedo per altri modi di dire perche’ sono veramente interessanti
    arrivederci

  12. Mohammed dice:

    salve
    di nuovo sono qui a chiedervi qualcosa e mi dispiace se chiedo tanto …vorrei solo sapere quando dico “ho vissuto” e ” sono vissuto” ..la differenza tra le due forme
    grazie mille in anticipo

  13. Tania Pasqualini dice:

    Caro Mohammed,
    in senso intransitivo si può dire in entrambi i modi. Con il verbo “vivere”, infatti, si può usare sia l’ausiliare “essere” sia l’ausiliare “avere”. Quindi si può dire sia “sono vissuto” sia “ho vissuto”.
    “Ho vissuto a Milano” oppure “Sono vissuto a Milano”

    Invece, nel transitivo, si usa “avere”: “abbiamo vissuto una brutta esperienza”

    Cordiali saluti
    Tania Pasqualini

  14. Moohammed dice:

    salve prof Tania Pasqualini ,come sta?..le chiedo per qualche esame per provare il mio italiano perche’ ho un esame se lo supero ,andro’a studiare in italia l’anno prossimo ,e per questo ho paura e le chiedo per questi esami ,e intendo un esame per ogni livello A1,A2,B1,B2 …sicuramente se c’e’ la possibilita’ .
    le ringrazio dal cuore per il blog
    cordiali saluti
    Mido

  15. Tania Pasqualini dice:

    Caro Mido,
    è disponibile il nostro testo “Noi” per l’apprendimento della lingua italiana dal livello A1 a quello A2 e, tra un paio di mesi, sarà disponibile il secondo volume “Noi due” per il passaggio al libello B1 e B2. Dopo le relative spiegazioni di grammatica, entrambi i testi contengono esercizi specifi che lei può utilizzare come consolidamento delle regole apprese.
    Cordiali saluti
    Tania Pasqualini

  16. Moohammed dice:

    grazie mille prof,Tania Pasqualini ma dove posso ottenere il vostro testo disponibile ?
    cordiali saluti
    Mido

  17. admin dice:

    Caro Mido,
    ecco i riferimenti esatti del corso, per poter fare un ordine in libreria.
    Noi. Corso di italiano per stranieri si compone di:
    ISBN 978.8808.16720.0 Noi. Corso base con CD audio
    ISBN 978.88.08.22350.0 Noi due. Corso avanzato con CD audio

    Il secondo volume è appena stato pubblicato. Sarà disponibile in circa un mese.

    Normalmente, il testo si ordina in libreria.
    In alternativa è possibile acquistarlo e farselo spedire in una libreria online come questa.
    http://www.ibs.it/

    Saluti

  18. Tania Pasqualini dice:

    Caro Moohammed,
    il testo “Noi” è disponibile nelle librerie, basta ordinarlo.
    Un caro saluto
    Tania Pasqualini

  19. djamel eddine dice:

    ciao.caro professore sono uno studente della lingua italiana faccio la mia laurea cio ho qualche problemi cio sono incerto per la scelta del argomento.anche significati di queste termeni …….1-tesi.ricerca.argomento.laureando.2-spiegare il perché della presenza di una pagina della dediche desitro una tesi di ricerca e formaresi una di tipo personale 3-destruttrurando la parola ..problematica..e dandone una definizione ampia ed adatta alla ricerca dire in che senso essa costituisce la shiena fondamentale della tesi……..4-definiere il frontespizio di una tesi di ricerca ponendo in teoria i criteri della sua formazione. distante salute coordeale……..in fretta ho un esame domenica………ciao

  20. Prof.Giacalone dice:

    Ciao Djamel!
    Vedrai andrà tutto bene, esame e organizzazione della tesi!
    A presto e in bocca a lupo
    Prof. Valerio

  21. Claudia dice:

    Bello, interessante e molto divertente! Complimenti!
    Claudia

  22. Prof. Anna dice:

    Grazie Claudia!
    Un saluto
    Prof. Anna

  23. tina dice:

    siete uno sballo

  24. giovanna dice:

    ma i verbi non vanno al futuro se le azioni avverranno dopo?
    es.: stasera andremo tutti al ristorante e pagheremo alla romana

  25. Prof. Anna dice:

    Cara Giovanna, il futuro si usa per indicare azioni che avverranno appunto nel futuro, anche se in italiano spesso viene usato anche il presente al posto del futuro.
    Un saluto
    Prof. Anna

  26. Maria_da Russia dice:

    Grazie per le vostre espressioni utili e interessanti! Anche in russo c’e’ l’espressione “capro espiatorio”.

Lascia un commento

I commenti saranno pubblicati solo dopo l'approvazione del redattore.