Intercultura blog

Lingua italiana e intercultura

Il congiuntivo trapassato

giovedì 23 febbraio 2012

Cari lettori e lettrici di Intercultura blog, oggi completeremo lo studio dei tempi del congiuntivo analizzando la formazione e l’uso del congiuntivo trapassato.

Buona lettura!

Prof. Anna

Il congiuntivo trapassato viene usato, in quanto modo congiuntivo, per descrivere un’azione vista come non obbiettiva, non reale, in quanto tempo trapassato, esprime anteriorità tempor ale rispetto

a un momento passato.

 

CONIUGAZIONE DEL CONGIUNTIVO TRAPASSATO

Il congiuntivo trapassato si coniuga combinando le forme del congiuntivo imperfetto degli ausiliari essere e avere con il participio passato del verbo:

 

comprare vendere uscire
io avessi comprato io avessi venduto io fossi uscito-a
tu avessi comprato tu avessi venduto tu fossi uscito-a
lui-lei avesse comprato lui-lei avesse venduto lui-lei fosse uscito-a
noi avessimo comprato noi avessimo venduto noi fossimo usciti-e
voi aveste comprato voi aveste venduto voi foste usciti-e
loro avessero comprato loro avessero venduto loro fossero usciti-e

 

essere avere
io fossi stato-a io avessi avuto
tu fossi stato-a tu avessi avuto
lui-lei fosse stato-a lui-lei avesse avuto
noi fossimo stati-e noi avessimo avuto
voi foste stati-e voi aveste avuto
loro fossero stati-e loro avessero avuto

 USO DEL CONGIUNTIVO TRAPASSATO

Il congiuntivo trapassato di solito viene usato nelle frasi secondarie introdotte da forme verbali al passato di verbi che vogliono il congiuntivo come credere, pensare, sperare, ecc., viene usato per esprimere anteriorità rispetto al momento indicato dal verbo della principale.

Il verbo della principale può essere:

all’imperfetto: volevo (ieri) che tu fossi arrivato (prima di ieri) in tempo;

• al passato prossimo: ho creduto (ieri) che loro fossero già partiti (prima di ieri);

• al passato remoto: pensai (ieri) che lei si fosse offesa (prima di ieri);

• al trapassato prossimo: non avevo pensato (ieri) che tu avessi finito (prima di ieri);

• al condizionale passato: avrei voluto (ieri) che voi vi foste incontrati (prima di ieri) prima.

Possiamo trovare il congiuntivo trapassato anche in una subordinata retta da un verbo al condizinale presente:

• vorrei (oggi) che loro avessero letto (prima di oggi) questo libro.

Il congiuntivo trapassato si usa anche nelle subordinate introdotte da congiunzioni come:

senza che: Marco è venuto senza che nessuno lo avesse invitato;

nonostante: avevo paura dell’esame nonostante avessi studiato molto;

malgrado: malgrado tutti fossimo arrivati in orario, lo spettacolo cominciò dopo più di un’ora;

a meno che: non sarei mai venuto alla festa, a meno che tu non mi avessi invitato;

a condizione che: abbiamo fatto entrare tutti alla festa a condizione che fossero vestiti in maschera.

Anche in questi casi la frase principale ha il verbo al passato.

 

Seleziona la risposta corretta fra quelle disponibili. Se rispondi bene, vedrai lo sfondo diventare di colore verde.

  1. Scegli la frase corretta:
    • Ho pensato che mi hanno fatto uno scherzo.
    • Ho pensato che mi avessero fatto uno scherzo.
  2. Scegli la frase corretta:
    • Speravamo che voi vi aveste trovati bene a casa nostra.
    • Speravamo che voi vi foste trovati bene a casa nostra.
  3. Scegli la frase corretta:
    • Pensai che lui avesse capito il motivo del mio gesto.
    • Pensai che lui abbia capito il motivo del mio gesto.
  4. Scegli la frase corretta:
    • Vorrei che tu mi avevi aiutato di più.
    • Vorrei che tu mi avessi aiutato di più.
  5. Scegli la frase corretta:
    • Temevo che vi foste persi.
    • Temevo che vi fosse persi.
  6. Scegli la frase corretta:
    • Non eravamo sicuri che la lettera vi foste arrivata.
    • Non eravamo sicuri che la lettera vi fosse arrivata.
  7. Scegli la frase corretta:
    • Avrei voluto che tu mi avessi trattato da amico.
    • Avrei voluto che tu mi avresti trattato da amico.
  8. Scegli la frase corretta:
    • Ci dispiacque molto che Luca fosse partito senza avvertirci.
    • Ci dispiacque molto che Luca era partito senza avvertirci.
  9. Scegli la frase corretta:
    • Non credevo che Marco fosse potuto comportarsi così.
    • Non credevo che Marco avesse potuto comportarsi così.
  10. Scegli la frase corretta:
    • Pensavo che avresti già lavato i piatti.
    • Pensavo che avessi già lavato i piatti.

55 commenti all'articolo “Il congiuntivo trapassato”

  1. Maria dice:

    Non molto difficile dopo l’esempi ma usare da sola?? E altra cosa!!Non capisco bene “dispiacque” Vorebbe spiegarmi Prof. Anna?

  2. ines tn dice:

    Salve prof,
    Nella domanda “09″ possiamo usare l’ausiliare essere visto che dopo il verbo servile”potere” c’è un verbo riflessivo.
    grazie e Buon lavoro

  3. Maria Aparecida dice:

    Ciao Ana.
    Scusi, ma io ho un dubbio. Nella questione 5, si scrive VI FOSTE PERSI, e nella questione 6 non ho capito perche non si può scrivere VI FOSTE ARRIVATA. Per favore, puoi spiegarmi un pó meglio?

    Grazie.
    Maria Aparecida
    Brasile.

  4. Prof. Anna dice:

    Cara Maria, di solito quando affronto un argomento per la prima volta preferisco questo tipo di esercizio, che è più semplice, mentre quando faccio il test su argomenti già trattati utilizzo un tipo di esercizio nel quale gli studenti devono scrivere le frasi correttamente da soli, quindi è un po’ più complicato. “Dispiacque” è il passato remoto, terza persona singolare, del verbo “dispiacere”.
    Un saluto
    Prof. Anna

  5. Prof. Anna dice:

    Cara Maria, nella frase “che la lettera vi (= a voi) fosse arrivata” il soggetto è “la lettera” quindi il verbo deve essere coniugato alla terza persona singolare (fosse) e non alla seconda plurale (foste).
    Un saluto
    Prof. Anna

  6. Prof. Anna dice:

    Cara Ines, nella frase “non credevo che Marco avesse potuto comportarsi così” usiamo l’ausiliare “avere” perché la particella pronominale “si” è attaccata all’infinito (comportar-si), mentre se la particella precede il verbo servile useremo l’ausiliare “essere”: “non credevo che Marco si fosse potuto comportare così”.
    Un saluto
    Prof. Anna

  7. Asia dice:

    salve e’ giusto usare il congiuntivo trapassato in una frase al presente tipo ” il sole e’ come se già’ l’ avessi visto ” . Grazie

  8. Prof. Anna dice:

    Cara Asia, la tua frase è corretta.
    A presto
    Prof. Anna

  9. Asia dice:

    Salve prof.Anna grazie per la risposta al precedente dubbio, ne ho un altro che riguarda l uso del passato prossimo e passato remoto , nella frase ” tenne conto dei suoi sentimenti e degli ostacoli che avrebbe incontrato” e’ giusto il verbo al passato remoto ? O è’ preferibile usare il passato prossimo ” ha tenuto”. Grazie

  10. Prof. Anna dice:

    Cara Asia, è corretto usare il passato remoto in questa frase.
    A presto
    Prof. Anna

  11. Asia dice:

    Salve prof. Anna e’ corretto l uso dei tempi in questa frase ” come ti sentiresti se tuo figlio usasse le stesse parole ogni volta che parla con te” grazie.
    Saluti asia

  12. Prof. Anna dice:

    Cara Asia, la frase che mi scrivi è corretta.
    A presto
    Prof. Anna

  13. Daniele dice:

    Troppo facile, ho risposto tra 1 minuto e già finito :O

  14. Matt dice:

    Buongiorn Prof.,
    è più corretto dire:

    a) non pensavo fosse possibile trasformarsi…, o
    b) non pensavo sarebbe stato possibile trasformarsi?

    Grazie,
    complimenti per il sito.

  15. Prof. Anna dice:

    Caro Matt, entrambi i periodi sono corretti, esprimono però rapporti temporali diversi tra reggente e subordinata: nel primo il rapporto tra reggente (non pensavo) e subordinata (fosse possibile trasformarsi) è di contemporaneità; nel secondo il rapporto temporale tra principale (non pensavo) e subordinata (sarebbe stato possibile trasformarsi) è di posteriorià.
    Un saluto
    Prof. Anna

  16. michele dice:

    Stò preparando dei test per un concorso ed ho trovato alcune risposte errate esempio: la seconda persona singolare futuro anteriore del verbo constatare la risposta esatta secondo il test é: che tu avessi constatato secondo la grammatica invece la risposta giusta dovrebbe essere: che tu avrai constatato. Sapreste gentilmente darmi la risposta esatta grazie Michele

  17. Prof. Anna dice:

    Caro Michele, il futuro anteriore del verbo “constatare” alla seconda persona singolare è: tu avrai constatato (non serve il “che”, non è un congiuntivo), mentre “che tu avessi constatato” è il congiuntivo trapassato.
    A presto
    Prof. Anna

  18. Anastasia dice:

    Salve, prof. Anna nella frase ” l ‘ apostolo Paolo sorti’ un effetto positivo su…..” Il verbo sortire e ‘ adatto al contesto? , può’ essere usato tranquillamente o forse suona un po’ arcaico.
    Grazie Asia

  19. Prof. Anna dice:

    Cara Anastasia, l’espressione “sortire un effetto” è corretta e mi sembra adatta al contesto (anche se non lo conosco abbastanza), non è sicuramente un’espressione colloquiale, ma mi sembra che questo non sia il tuo caso.
    Un saluto
    Prof. Anna

  20. mari dice:

    Salve! Ho letto questa frase : ‘ …il compito di cercare testi giuridici che AVESSERO potuto consolidare…’ Per un momento ho pensato che ci sarebbe stato bene anche ‘ avrebbero’. Grazie

  21. Prof. Anna dice:

    Cara Mari, sarebbe corretto “che avrebbero potuto”.
    Un saluto
    Prof. Anna

  22. Piscida dice:

    ciao Prof Anna
    Qualle è più corretta…Ero contento che tutti si fossero ricordati del mio compleanno o
    Ero contento che tutti ricordassero del mio compleanno ?
    Un saluto. Grazie

  23. Prof. Anna dice:

    Car Piscida, entrambe le frasi sono corrette, ma nella prima la subordinata: “che tutti si fossero ricordati del mio compleanno” è anteriore rispetto alla principale; mentre nella seconda la subordinata: “che tutti ricordassero il mio compleanno” è contemporanea alla principale.
    Un saluto
    Prof. Anna

  24. chiariz dice:

    cara prof anna,
    facendo questo esercizio mi è sorto un dubbio.
    nell esercizio 5 “foste” me lo da giusto e nella 6 no…
    perchè?
    cosa cambia da un esercizio all’altro?
    spero che potrà rispondermi
    cordiali saluti
    chiariz

  25. Prof. Anna dice:

    Caro Chiariz, nella frase 5 il soggetto è “voi” quindi “foste” (seconda persona plurale) è corretto; mentre nella frase 6 il soggetto è “la lettera” quindi è corretto “fosse” (terza persona signolare).
    Un saluto
    Prof. Anna

  26. Asia dice:

    Salve prof. Anna , il mio dubbio e’ nella frase :conosco come la pensano i miei genitori, so che hanno molti pregiudizi nei vostri confronti e questo mi trattiene dal dirgli ….. E’ corretto l uso di dirgli nel linguaggio parlato o è’ preferibile la forma dir loro , grazie mille per la sua disponibilità’ Asia

  27. Mario dice:

    Salve Prof.Anna

    Meglio dire:

    era il più grande regalo che avessi potuto avere ??

    era il più grande regalo che avrei potuto avere ??

    Qual è la differenza ?? corrette entrambe ??

    Grazie tante

    Mario

  28. Prof. Anna dice:

    Cara Asia, sono corrette entrambe le forme.
    A presto
    Prof. Anna

  29. Prof. Anna dice:

    Caro Mario, io direi “era il più grande regalo che potessi avere”.
    Un saluto
    Prof. Anna

  30. Floriana dice:

    Volevo sapere se la seguente frase è corretta:
    Chiamando allo studio del veterinario ho chiesto: <>:

  31. Prof. Anna dice:

    Cara Floriana, la frase che mi scrivi è corretta.
    Un saluto
    Prof. Anna

  32. Asia dice:

    Salve Prof. Anna la ringrazio per l aiuto che mi da’ nel risolvere i miei dubbi in particolare nelle forme verbali nelle quali ho purtroppo delle lacune …. Le scrivo la frase: Immagina di dover cercare una via in una città’ che non conosci , ti senti piu sicura di arrivare a destinazione utilizzando il navigatore o….. Il verbo senti e’ corretto o è’ preferibile usare sentiresti (condizionale )
    Saluti Asia

  33. Maria R dice:

    Buongiorno Prof,
    è corretto scrivere “ho creduto fosse stato più facile riallacciare legami familiari”?
    Grazie per la risposta.
    Un saluto

  34. Prof. Anna dice:

    Cara Asia, sarebbe preferibile il condizionale.
    Un saluto
    Prof. Anna

  35. Prof. Anna dice:

    Cara Maria, la frase corretta dovrebbe essere: “ho creduto che sarebbe stato più facile”.
    Un saluto
    Prof. Anna

  36. Stefania dice:

    Gentilissima Prof.Anna,

    volevo ringraziarla tantissimo perchè riesce sempre a togliermi ogni dubbio.
    Le sarei grata se riuscisse a togliermi anche questi:
    “pensai a come sarebbe stato bello vedere quelle città…”(racconto di un viaggio avvenuto) è corretto l’uso di questi due verbi?Possono stare insieme passato remoto e condizionale passato?

    l’uso della virgola dopo la congiunzione “però” è corretta o andrebbe inserita prima?
    “ero in albergo però, quando sono uscita, sono andata subito”.

    Grazie, un caro saluto Stefania

  37. Visnja dice:

    Buonasera Prof.Anna,
    Il Trapassato prossimo c’è anche il Trapassato remoto.
    Quando si usa il Trapassato remoto?!
    Grazie tante!
    Visnja

  38. Prof. Anna dice:

    Cara Stefania, entrambe le frasi che mi scrivi sono corrette.
    Un saluto
    Prof. Anna

  39. Prof. Anna dice:

    Cara Visnja, ti consiglio di leggere questo articolo sul trapassato remoto: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3112
    A presto
    Prof. Anna

  40. Visnja dice:

    Cara Prof.Anna,
    grazie mille!

  41. Filippo dice:

    Cara Prof. è corretta la seguente frase: avrei messo la mano sul fuoco che avessi risposto così e non mi sarei bruciato.

  42. Prof. Anna dice:

    Caro Filippo, è corretto: avrei messo la mano sul fuoco che avresti risposto così e mi sarei bruciato.
    Un saluto
    Prof. Anna

  43. Piero dice:

    Buongiorno! Volevo chiedervi se la seguente frase sia o meno corretta:
    Grazie a tizio caio e sempronio per essersi confermati, ancora una volta, i migliori amici che avessi mai potuto avere!!
    Grazie,
    Piero

  44. Prof. Anna dice:

    Caro Piero, la frase è corretta.
    A presto
    Prof. Anna

  45. andrew dice:

    Cara prof, è corretto scrivere:
    Pensavo che un’affermazione del genere non avesse potuto essere mai pronunciata da me invece…

  46. Prof. Anna dice:

    Caro Andrew, potresti dire: “pensavo che un’affermazione del genere non potesse mai essere pronunciata da me, invece…”.
    Un saluto
    Prof. Anna

  47. Ahmed el badry dice:

    C’e’ una domanda ,, quale’ la differenza tra il congiuntivo imperfetto e l congiuntivo trapassato
    Gtz in anticipo :)

  48. Prof. Anna dice:

    Caro Ahmed, ti consiglio di leggere questo articolo sul congiuntivo imperfetto (http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=2894), poi rileggere quello sul trapassato (http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=3442), tra i due c’è una differenza temporale: il trapassato si usa in frasi secondarie introdotte da erbi al passato.
    A presto
    Prof. Anna

  49. Diego dice:

    Salve ho un dubbio su questa frase se usare il condizionale o il congiuntivo:
    “Non pensavo che avesse commentato” o “Non pensavo che avrebbe commentato” ???
    Grazie in aticipo

  50. Giuseppe dice:

    Salve! Avrei un dubbio: si dice: “Non avrei creduto che gli italiani del nord fossero stati così chiusi” o “sarebbero stati così chiusi”. La regola vuole il congiuntivo trapassato, ma potremmo usare anche il condizionale passato?

    Grazie!
    Giuseppe

  51. Prof. Anna dice:

    Caro Diego, è possibile sia il congiuntivo che il condizionale, prima di tutto i due enunciati differiscono per quanto riguarda il rapporto temporale tra le due frasi, il primo con reggente all’imperfetto e subordinata al trapassato esprime un rapporto di anteriorità, mentre il secondo con reggente all’imperfetto e subordinata al condizionale passato esprime posteriorità; per quanto riguarda i modi, quindi la scelta tra congiuntivo e condizionale, il condizionale sottolinea maggiormente un’azione giunta a conclusione, mentre il congiuntivo esprime meglio qualcosa di incerto.
    Un saluto
    Prof. Anna

  52. Prof. Anna dice:

    Caro Giuseppe, dipende dal raporto temporale tra le due frasi, la frase con il condizionale passato nella subordinata ha un rapporto di posteriorità con la reggente, mentre quella con il congiuntivo trapassato ha un rapporto di anteriorità, io userei in questo caso il congiuntivo imperfetto che esprime un rapporto di contemporaneità con la reggente: “non avrei creduto che gli italiani del nord fossero così chiusi”.
    A presto
    Prof. Anna

  53. Elisa dice:

    Salve.. E’ corretto esclamare in una frase .. E se ieri avrei voluto parlarne,oggi ho pensato bene che non ne vale la più la pena!il condizionale anche se accostato al ‘’se”e’corretto? Se si ,quale regole grammaticali segue?grazie anticipatamente

  54. Prof. Anna dice:

    Cara Elisa, se+ condizionale è possibile quando “se” introduce una proposizione dubitativa, la frase quindi è corretta.
    A presto
    Prof. Anna

  55. rino dice:

    Magnifico: 10 su 10
    Cordiali saluti Prof.ssa

Lascia un commento

I commenti saranno pubblicati solo dopo l'approvazione del redattore.